Situato sulla riviera veronese del Lago di Garda, Bardolino, un vecchio borgo di pescatori oggi divenuto una rinomata località di villeggiatura, nota per il suo delicato olio d’oliva e il suo vino color rubino che profuma di fragola e di lampone. Sorseggiato dopo una panoramica passeggiata sul lungo lago, in un’antica enoteca, in una cantina in campagna o in un winebar del borgo, il Bardolino DOC è senza dubbio la star di questa cittadina, che offre però anche sport acquatici per tutti i gusti, dalla vela al windsurf e al canottaggio, dalla nautica da diporto alla pesca, e romantiche passeggiate sul bordo dell’acqua o nel verde argentato delle sue colline.

La storia di Bardolino

L’origine di Bardolino risale probabilmente alla civiltà palafitticola italica, le cui tracce sono state trovate numerose, nel circondario. Molteplici sono anche i reperti che attestano la vitalità del territorio in epoca romana, come monete, cippi, lapidi, sculture, ma anche anfore per il trasporto del vino, che fanno supporre come all’epoca fosse già diffusa la coltivazione della vite nelle zone del Lago di Garda. Dopo la caduta dell’impero romano, il luogo subì le successive ondate delle invasioni barbariche e fu dominato di volta in volta da Visigoti, Goti, Longobardi e Franchi.

Nell’807 l’abitato venne citato per la prima volta nei documenti come proprietà del monastero veronese di San Zeno. Nello stesso periodo fu fortificato, con la costruzione del castello e di mura destinate a proteggere le case e il porto. Nel 1100 Bardolino divenne comune autonomo, organizzato dal 1222 in una corporazione di famiglie che aveva l’esclusiva della pesca lungo la spiaggia del territorio comunale. Nacque così il nucleo abitativo con la tipica forma di percorsi a pettine che, da una strada parallela alla costa, si prolungano fino al lago, disegnando lunghi isolati di case basse a schiera.

Bardolino entrò poi a far parte della signoria degli Scaligeri, a cui succedettero i Visconti, e conobbe una fase di sviluppo sotto il governo della Repubblica di Venezia, dal 1405 al 1797, funestato di tanto in tanto dalle guerre tra Visconti e Venezia, che si affrontarono in cruente battaglie navali nelle acque del Lago di Garda. Dopo la breve dominazione Napoleonica, Bardolino passò sotto l’Austria, come parte del Regno Lombardo-Veneto, per poi essere annessa, come il resto del Veneto, al regno d’Italia.

Cosa visitare a Bardolino

La Chiesa di San Severo, la Chiesetta di San Zeno, la Parrocchiale di San Nicolò e Severo, Piazza Matteotti, la Torre Merlata, il Porticciolo, la Loggia Rimbaldi, i giardini delle Ville Gianfilippi e Bottagisio, al tramonto la passeggiata ciclopedonale di 5/6 km sul lungolago fino a Lazise, nella frazione Cisano il Museo dell’Olio dell’oleificio Cisano, in località Costabella il Museo del Vino allestito presso la Cantina Zeni, l’Eremo dei Frati Comaldonesi raggiungibile a piedi con una passeggiata di 4,5 km partendo da Bardolino, la Chiesetta di San Giorgio.

Eventi a Bardolino

È il vino il protagonista assoluto dei numerosi eventi che animano Bardolino, la Festa del Bardolino Chiaretto, a inizio giugno. L’Aperitivo Sotto le Stelle ai primi di agosto. La Festa dell’Uva e del Bardolino DOC, in ottobre. La Festa del Vino Novello, nel mese di novembre. A dicembre Bardolino si veste di rosso con la manifestazione Dal Sei al Sei, la prima settimana di avvento. Nel periodo di dicembre, apre la pista di pattinaggio, i Mercatini di Natale a Bardolino lungolago, nella chiesa di san Severo viene allestita una rassegna di presepi dal mondo. La Sagra degli Osei, si svolge l’8 settembre nella frazione di Cisano. L’Antica Fiera di San Michele a Calmasino, tra il 22 e il 24 settembre, con stand enogastronomici, spettacoli e mostre di arti e mestieri.

Prodotti tipici di Bardolino e del suo territorio

L’Olio Extravergine del Garda DOP, i vini Bardolino DOC e Bardolino Superiore DOCG, il pesce di lago (le alborelle, il luccio, il lavarello, il rarissimo carpione, la sardella, l’anguilla, il persico e il cavedano), i Bigoi co le àole che sono spaghetti con salsa di alborelle, le sardéle en saòr che sono sardelle fritte poi marinate con cipolla e aceto, il risotto alla tinca, le polpettine di cavedano, il bollito misto con la salsa paerà a base di brodo, pane e pepe nero.

Attività che si possono svolgere a Bardolino

Parasailing, sci nautico, canoa, kayak, vela, sup, mountain bike, escursioni in bicicletta, passeggiate lungo lago e nell’entroterra lungo la “Strada del vino Bardolino” tra vigneti e aziende agricole.

Votaci e scrivi una recensione

La tua votazione per questa inserzione

angry
crying
sleeping
smily
cool
Scegli

La tua recensione dovrebbe essere lunga almeno 140 caratteri

Postando questa Recensione, accetti i termini e condizioni generali di utilizzo

building Possiedi o lavori qui? Richiedi ora! Richiedi ora!

Richiedi questo elenco

Accetti e accetti i nostri Termini e condizioni per la pubblicazione di queste informazioni ?.

Giugno, 2021

12

domenica

CHIUSO

Agosto 26,2019

  • Martedì
  • 9:00am - 10:00am
  • In Viaggio tra Luoghi e Sapori
Dopo l'approvazione verrà inviata un'e-mail di conferma dell'appuntamento.

Lavoro fantastico!

Abbiamo ricevuto il tuo appuntamento e ti invieremo una conferma all'indirizzo e-mail fornito dopo l'approvazione.

Sei d'accordo e accetti i nostri Termini e Condizioni per la pubblicazione di queste informazioni ?.

La tua richiesta è stata inviata con successo.